Bradbury Ray - 2003 - Viaggiatore del tempo by Bradbury Ray

Bradbury Ray - 2003 - Viaggiatore del tempo by Bradbury Ray

autore:Bradbury Ray
La lingua: ita
Format: mobi, azw3, epub
Tags: Science Fiction, General, Short Stories (Single Author), Fiction
ISBN: 9788804508014
editore: Mondadori
pubblicato: 2003-01-01T23:00:00+00:00


DONNA ASSASSINATA

"Per chi," pensò Hughes "per chi piange, adesso? Che la

MARITO RICERCATO DALLA POLIZIA

smetta, in nome di Dio, che la smetta."

Ferite d'arma da fuoco

L'altro, quasi a comando, si raddrizzò a sedere, si asciugò gli sul cadavere della signora Alice Hughes...

occhi, si soffiò il naso, e cominciò a parlare con voce indistinta, che costrinse Jonathan Hughes ad accostarsi e alla Il treno rombò su di un ponte. Fuori dal finestrino un miliardo fine sedergli al fianco per udire quei sussurri.

di cespugli di rose esplose, verdi rami in parossismi di vento, e

"Noi siamo nati..."

poi ricaddero a terra, recisi d'un colpo.

"Noi?" gridò il più giovane.

Il convoglio rotolò in una stazione, come se nulla al mondo

"Noi," confermò il bisbiglio, e il vecchio guardò dal finestrino fosse successo.

le ombre del crepuscolo che, infittendosi, trascorrevano come Nel silenzio che seguì, gli occhi del più giovane dei due fumo e faville "noi, sì, noi, io e te, siamo nati a Quincy, nel uomini tornarono sul testo:

novecentocinquanta, il ventidue maggio..."

"Sì" pensò Hughes.

Jonathan Hughes, pubblico revisore dei conti,

"... e abitavamo al 49 di Washington Street, frequentammo la abitante al 112 di Plandome Avenue, Plandome...

Central School, per tutto il primo anno andammo a quella scuola assieme a Isabel Perry..."

"Mio Dio!" gridò. "Se ne vada!"

"Isabel" ricordò il giovane.

Ma fu lui ad alzarsi e arretrare di qualche passo, prima che

"Noi..." mormorò di nuovo il vecchio. "Noi." E continuò: l'altro potesse muoversi. Il treno ebbe uno scossone, e Hughes

"Il nostro insegnante di lavori manuali, Mr. Bisbee. Quella di fu proiettato su un sedile vuoto, dove rimase a fissare storia, Miss Monk. A dieci anni, ci rompemmo una caviglia, ciecamente un fiume di luce verde che sfilava via dal pattinando sul ghiaccio. A undici anni, per un pelo non finestrino.

annegammo: ci salvò nostro padre. Ci innamorammo, a dodici

"Cristo," pensò "a chi poteva venire in mente di fare una cosa anni, di Impi Johnson...".

simile? Chi poteva tentare una carognata del genere... a noi?

"Seconda media, bella ragazzina, ormai morta da tanto, Gesù

Che razza di scherzo? Insudiciare un recente matrimonio con Dio" pensò il più giovane dei due, sentendosi diventare una bella moglie? Maledizione!" E ancora, tremando: vecchio.

"Dannazione, oh, dannazione!".

E fu così che accadeva. Nel successivo minuto, nel secondo, Il treno infilò una curva, e per poco non lo fece scivolare giù

nel terzo minuto, man mano che parlava, il vecchio diventava dal sedile. Come ubriaco dal troppo viaggiare, dalla mancanza gradatamente più giovane, le gote gli si colorivano, gli occhi di gravità, o semplicemente stordito dal furore, egli si rigirò e gli si facevano luminosi, mentre il suo più giovane "io", sotto si protese per affrontare l'anziano signore, chino adesso sul il peso della riemergente consapevolezza, si afflosciava sul suo giornale finito per terra nella sua inconcepibile edizione. sedile, impallidiva sempre più, tanto che i due, uno parlando, Hughes cacciò il foglio sotto al sedile, con un calcio, e afferrò

l'altro ascoltando, diventavano sosia e gemelli nella il vecchio per la spalla. Il vecchio, con un sussulto, alzò gli transizione. Vi fu un momento in cui Jonathan Hughes seppe, occhi, che erano pieni di lacrime.



scaricare



Disconoscimento:
Questo sito non memorizza alcun file sul suo server. Abbiamo solo indice e link                                                  contenuto fornito da altri siti. Contatta i fornitori di contenuti per rimuovere eventuali contenuti di copyright e inviaci un'email. Cancelleremo immediatamente i collegamenti o il contenuto pertinenti.