Il giglio insanguinato by Julian May & Marion Zimmer Bradley

Il giglio insanguinato by Julian May & Marion Zimmer Bradley

autore:Julian May & Marion Zimmer Bradley
La lingua: ita
Format: azw3, epub, mobi
Tags: Fantasy, Sagas, Fiction
ISBN: 9788878182950
editore: TEA
pubblicato: 2002-02-21T23:00:00+00:00


17

Anigel, il Nyssomu Jagun e i tredici guerrieri Wyvilo rimasti a bordo della Lyath presero il mare in due piccole scialuppe dirette all'Isola del Consiglio non appena la regina ebbe terminato il suo colloquio a distanza con il Mago Portolanus. La situazione disperata di Niki e Jan richiedeva che agissero immediatamente e Anigel era convinta che Kadiya avesse bisogno di aiuto per salvare i ragazzi. Mentre la tempesta andava scemando, il gruppo ben armato della regina sbarcò nella piccola cala adiacente alla Baia del Consiglio e si affrettò lungo il sentiero che conduceva al villaggio di Har-Chissa.

«È solo a due leghe di distanza», disse Jagun. «Prendi la mia mano, Grande Regina, e io ti guiderò mentre tu continui a sorvegliare i bambini prigionieri tramite il tuo talismano.»

Anigel avanzò incespicando, e la sua agitazione crebbe quando vide che la mortale cerimonia dei tamburi era ripresa. «Hanno riacceso le torce e hanno ricominciato a danzare!... Non riusciremo mai ad arrivare in tempo! Oh, se solo mia sorella potesse fare qualcosa!»

Quando Har-Chissa parve sul punto di scuoiare Janeel e Kadiya, resasi invisibile, lo uccise, la regina era così scossa dall'emozione che si fermò di colpo, con gli occhi fissi nel nulla, completamente paralizzata e incapace di emettere suoni.

Jagun e i Wyvilo si radunarono attorno a lei, ansiosi e spaventati, perché fino a quel momento la regina aveva continuato a riferire loro quello che avveniva nel villaggio. Ora nessuno osava parlare, nel timore che la principessa Janeel fosse stata uccisa... o che fosse andata incontro a un destino ancor peggiore. Sempre tenendole la mano, Jagun s'inginocchiò accanto alla reggente, mentre gli alti Wyvilo sollevavano le braccia al cielo in un gesto di supplica alle Tre Lune, nella silenziosa preghiera del Popolo delle Foreste.

Poi la regina fu scossa da un brivido ed emise un lungo sospiro di gioia. «Amici», sussurrò, «Kadiya ha salvato i bambini.»

Jagun e i Wyvilo gridarono la loro esultanza. Anigel li fece avvicinare in modo che potessero condividere attraverso il talismano la visione stupefacente. Videro Har-Chissa morto e gli Aliansa, terrorizzati, incalzati da una presenza invisibile che roteava una torcia e notarono un piccolo e sconosciuto uomo del Popolo raccogliere tra le braccia i bambini sporchi di sangue e trasportarli al sicuro nell'oscurità.

«Siano rese grazie ai Signori dell'Aria e alla mia Signora Lungimirante!» esclamò Jagun. «Ma chi era quello sconosciuto che l'ha aiutata?»

«Kadiya lo ha chiamato Shiki», rispose Anigel. «Ma non abbiamo più tempo di usare la Vista. Dobbiamo affrettarci incontro a Kadiya prima che gli aborigeni si riabbiano dalla sorpresa.»

Si tuffarono nella foresta, circondati dai fischi, dalle grida e dai sibili delle creature del bosco. Di tanto in tanto si udiva uno schianto, ma la vista notturna dei Wyvilo li rassicurò che per ora in quella parte dell'isola c'erano solo animali e non indigeni ostili. Poi Anigel usò il talismano e vide che Kadiya, Shiki e i bambini stavano fuggendo lungo un sentiero che correva quasi parallelo a quello percorso da loro; i Wyvilo allora estrassero le asce e si aprirono un varco nella giungla, tagliando il sottobosco.



scaricare



Disconoscimento:
Questo sito non memorizza alcun file sul suo server. Abbiamo solo indice e link                                                  contenuto fornito da altri siti. Contatta i fornitori di contenuti per rimuovere eventuali contenuti di copyright e inviaci un'email. Cancelleremo immediatamente i collegamenti o il contenuto pertinenti.